E-mediators.it

E-mediators
Capire, Aiutare, Integrare
 

Come lavorare e guadagnare senza perdere la cassa integrazione

Lo stato italiano mette a disposizione dei lavoratori in cassa integrazione interessanti strumenti che consentono di lavorare e raggiungere guadagni extra, senza perdere i contributi previsti dalla cassa integrazione. In pratica è possibile, attraverso le formule che scopriremo in questa miniguida, arrotondare i magri guadagni della cassa integrazione.
La legge italiana non vieta, infatti, che nel corso di un periodo di cassa integrazione il lavoratore possa dedicarsi ad un altro lavoro, sia subordinato che autonomo.
L'attività lavorativa che si intraprende dovrà avere carattere di temporaneità. In caso di reimpiego in lavoro a tempo indeterminato, dopo il periodo di prova il rapporto di lavoro con l'azienda di provenienza viene definitivamente concluso e non vi è più possibilità di rientrare in Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria. È invece ammesso il rientro in Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria qualora non si superasse il periodo di prova.

È comunque obbligatorio comunicare preventivamente sia all’INPS sia all'impresa dalla quale si è sospesi, in forma documentabile (raccomandata a.r.) l’inizio della nuova attività.
Vediamo nel dettaglio tutte le possibilità di lavoro in abbinamento alla cassa integrazione Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria e Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria:

Il lavoro part time non fa perdere la cassa integrazione

Nel caso di lavoratori part time in condizione di cassa integrazione, è possibile la cumulabilità piena con un’altra attività lavorativa part time che si svolge in orari diversi da quelli del rapporto sospeso.
In pratica se con l’azienda “A” che ci ha messo in cassa integrazione avevamo un lavoro part-time la mattina, con la nuova azienda “B” possiamo lavorare part time il pomeriggio senza perdere la cassa integrazione!

Prestazioni occasionali: più facili con i buoni lavoro

Il lavoro occasionale di tipo accessorio è una particolare modalità di prestazione lavorativa prevista dalla Legge Biagi. La sua finalità è regolamentare quei rapporti di lavoro che soddisfano esigenze occasionali a carattere saltuario, con l’obiettivo di far emergere le attività confinate nel lavoro nero, tutelando in tal modo i lavoratori che usualmente operano senza alcuna protezione assicurativa e previdenziale. Il pagamento della prestazione avviene attraverso i cosiddetti voucher (buoni lavoro), che garantiscono, oltre alla retribuzione, anche la copertura previdenziale presso l'Inps e quella assicurativa presso l'Inail.

Vantaggi dei buoni lavoro

• Per il committente (datore di lavoro)

Il committente può beneficiare di prestazioni nella completa legalità, con copertura assicurativa INAIL per eventuali incidenti sul lavoro, senza rischiare vertenze sulla natura della prestazione e senza dover stipulare alcun tipo di contratto.

• Per il prestatore (lavoratore)

Il prestatore può integrare le sue entrate attraverso le prestazioni occasionali, il cui compenso è esente da ogni imposizione fiscale e non incide sullo stato di disoccupato o inoccupato. Il compenso dei buoni lavoro dà diritto all'accantonamento previdenziale presso l'Inps e alla copertura assicurativa presso l'Inail ed è totalmente cumulabile con i trattamenti pensionistici.
I committenti – cioè coloro che impiegano prestatori di lavoro occasionale - possono essere: - famiglie- privati- aziende- imprese familiari operanti nei settori del commercio, turismo e servizi- imprenditori agricoli - enti senza fini di lucro- enti pubblici (solo in caso di prestazioni per lavori di emergenza e di solidarietà - comma 1, lettera d, art. 70 del D.Lgs n. 276/03 modificato dalla Legge n. 33/2009).
Il ricorso ai buoni lavoro è limitato al rapporto diretto tra prestatore e utilizzatore finale, mentre è escluso che una impresa possa reclutare e retribuire lavoratori per svolgere prestazioni a favore di terzi come nel caso dell’appalto o della somministrazione.

I prestatori che possono accedere al lavoro occasionale accessorio sono:

- Lavoratori in Cassa Integrazione

fino al 31 dicembre 2009, in via sperimentale, anche i lavoratori in cassa integrazione, in mobilità, in disoccupazione ordinaria o in trattamento speciale di disoccupazione edile.

Il sito www.cassaintegrazione.it pubblicherà in tempo reale tutte le notizie ufficiali emanate dal Ministero del Lavoro e dall’Inps, utili alle aziende e lavoratori direttamente interessati

- pensionati titolari di trattamento pensionistico in regime obbligatorio
- studenti nei periodi di vacanza ed il sabato e la domenica.
- tutti i lavoratori sia disoccupati che dipendenti: per questi ultimi, se pubblici, è necessaria l’autorizzazione dell’amministrazione di appartenenza.

I prestatori possono svolgere attività di lavoro occasionale:

• in generale fino ad un limite economico di 5.000 euro netti (6.660,00 euro lordi) per singolo committente nell’anno solare;
• nel caso di percettori di prestazioni integrative o di sostegno al reddito, fino ad un limite economico di 3.000 euro netti complessivi per anno solare e non per singolo committente.

VUOI AVERE INFORMAZIONI SULLA PIATTAFORMA E-MEDIATORS?

Compila i campi sottostanti e ti invieremo entro 1 minuto una e-mail con la brochure del servizio

Hai Qualche Richiesta Particolare?
Lascia il tuo telefono e compila il box se vuoi più info
 
privacy

Informati sulla legge che tutela la tua privacy

Informativa sulla Privacy

Titolare del trattamento dati è E-mediators.
I dati personali richiesti in fase di inoltro dell'ordine sono raccolti e trattati al solo fine di soddisfare le espresse richieste del Cliente e non verranno in nessun caso e a nessun titolo diffusi, comunicati o ceduti a terzi, ad eccezione della comunicazione ai fornitori che provvedono a gestire gli ordini e gli adempimenti di legge (studio commercialista, Internet service provider, corrieri, gestori caselle e-mail).
Il titolare del trattamento dati garantisce ai propri clienti il rispetto della normativa in materia di trattamento dei dati personali, disciplinata dal codice della privacy di cui al D.Lgs. n. 196 del 30.06.03. Sono comunque fatti salvi per il Cliente i diritti previsti dal D.Lgs. 196/03 art. 7

 
 
Trova subito il lavoro che cerchi
Inizia oggi a tutelare la tua azienda!